16/5 Proclamati i cinque vincitori del Bando StoryLab Development Grants

La giuria del concorso StoryLab, presieduta dal regista Luca Lucini, e riunitasi a Milano ha decretato i cinque progetti vincitori di premi che vanno da 6.000 a 9.000 euro l’uno.

I progetti premiati hanno caratteristiche molto diverse fra loro: si va da un film epico, scritto in inglese e ambientato nel Rinascimento fiorentino a un noir metropolitano, da una dramedy contemporanea ambientata in un carcere a un film che tocca in chiave comica un episodio della seconda guerra mondiale… Enrico Cibelli (Club Privé) e Mara Perbellini (The Last Days of the Republic) si sono aggiudicati un grant di 9.000 euro ciascuno. Mentre 6.000 euro per lo sviluppo sono andati a Giovanni Boscolo, per Vale la pena, Claudio Casazza per Sembra venuta dal Paradiso e Andrea Fazzini, per il film intitolato Massima prudenza. “Abbiamo deciso di premiare progetti di generi diversi – ha affermato Luca Lucini- , qualcuno anche lontano da quella che è la produzione corrente. In diversi dei progetti premiati mi ha colpito la libertà e l’audacia di affrontare storie e temi non facili.”
Il progetto StoryLab, promosso da Università Cattolica –Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo e Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, supportato da Fondazione Cariplo e dalle case di produzione milanesi Colorado e 3zero2, vuole favorire lo sviluppo dell’industria audiovisiva attraverso un sostegno all’attività di scrittura e sviluppo progetti.
Della giuria, oltre al regista Luca Lucini (Amore bugie e calcetto, Solo un padre) facevano parte anche Paolo Braga, docente di Scritture per il cinema e la televisione all’Università Cattolica, Nadia Grippiolo, producer di 3zero2 (Alex & Co., Il vegetale), Roberto Jannone, sceneggiatore, ed Erica Negri, producer di serie televisive per Sky Italia.
I vincitori del grant avranno ora otto mesi per lavorare sui loro progetti e presentare poi il risultato finale a fine gennaio.
Nel frattempo verranno loro assegnati come tutor dei professionisti di primo livello dell’industria audiovisiva italiana e potranno usufruire anche di alcuni giorni di lavoro fianco a fianco con professionisti italiani e internazionali specializzati nello sviluppo di progetti per il cinema e la Televisione.
Molto incoraggiante il commento di Luca Lucini: “Nel mio lavoro di regia venire a contatto con diversi stili di scrittura è sempre stimolante. Auguro agli autori dei progetti di svilupparli con successo. Io stesso mi sono appassionato a uno di essi e cercherò di fargli fare passi avanti per portarlo alla produzione”.