CASTING: "Molto crudele"

La Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi ricerca due attori per l'esercitazione del terzo anno regia

MOLTO CRUDELE
di Riccardo Favaro
regia Enrico Baraldi
- progetto a cura di Tatiana Olear -

Il periodo di prove sarà dal 12 al 30 maggio 2017 e dal 4 al 7 giugno 2017, con repliche previste 8 e 9 giugno 2017

Per tale progetto cerchiamo due attori maschi di età scenica compresa tra i 30 e i 50 anni. Entrambi saranno chiamati ad interpretare differenti ruoli. È richiesta una spiccata attitudine al lavoro sulla parola. La messa in scena comprenderà un largo uso del linguaggio video, specialmente in presa diretta, quindi saranno valutate positivamente le esperienze professionali svolte davanti alla macchina da presa. Verrà effettuata una preselezione su curriculum sulla base della quale contatteremo i candidati per una seconda fase di selezione.

Tempistiche e modalità
Gli interessati devono inviare la propria candidatura, corredata di curriculum e due foto (1 primo piano e 1 figura intera) ed eventuali link video, a all’indirizzo enricobaraldi@live.com mettendo in copia il tutor del progetto Tatiana Olear (tatianaolear@tiscali.ti).

la candidatura e il materiale richiesto dovranno essere inviati entro e non oltre il 25 aprile 2017

Nell’oggetto della mail chiediamo di indicare titolo dello spettacolo, nome e cognome  (es. Molto Crudele_Mario Rossi).

 

Il casting si svolgerà presso la Scuola Paolo Grassi in una giornata da concordare nel periodo dal 2 al 5 maggio 2017 secondo la seguente modalità:

- la candidatura e il materiale richiesto dovranno essere inviati entro e non oltre il 25 aprile 2017;
- la selezione preliminare sarà fatta in base al materiale inviato;
- ai candidati convocati sarà poi fornito il materiale per il provino;
- il provino prevederà il lavoro su parti.

È prevista retribuzione.
Saranno prese in considerazione solo candidature di attori diplomati presso accademie riconosciuteo con esperienza professionale equiparabile.

Note di regia

L'avvento di un “Neo-Virus” minaccia più esistenze: da piccoli frammenti di vita quasi-quotidiana fino alle biografie delle celebrità, il tessuto sociale dei quadri rappresentati sembra contagiarsi, sembra cedere al fascino e al terrore di un male che viene raccontato e atteso sotto mille e più forme: un'orrenda malattia venerea, un bug nel sistema economico, un moto di rivolta, una strategia repressiva e molto altro. Ma esiste il Neo-Virus o esiste solo la paura del Neo-Virus? I confini della nostra idea di “contagio” sono i medesimi della nostra idea di “finzione”?

Molto Crudele è un testo dall’impianto post-drammatico composto da sette frammenti nei quali vengono continuamente ribaltati i piani di realtà: ogni situazione è progressivamente contraddetta fino all’assurda condizione di non potere più stabilire i parametri di verità o menzogna.